Criteri di impiego, di trasferta e norme comportamentali

Pubblichiamo i criteri di impiego per arbitri di Serie C e D, Osservatori e UdC nazionali con le specifiche norme comportamentali.

Pubblichiamo inoltre i criteri di trasferta validi per tutti i tesserati e le norme generali di comportamento valide per tutti gli altri tesserati.

Serie C: Criteri di impiego e norme comportamentali

Serie D: Criteri di impiego e norme comportamentali

Osservatori: Criteri di impiego e norme comportamentali

Ufficiali di Campo Nazionali: Criteri di impiego e norme comportamentali

Arbitri Veneti: Norme comportamentali

Ufficiali di Campo Veneti: Norme comportamentali

Tutti gli arbitri: Criteri di trasferta

Tutti gli Ufficiali di Campo: Criteri di trasferta

Ci tengo a precisare che le presenti normative sostituiscono quanto precedentemente comunicato in particolare per quanto concerne le modalità di trasferta:

“E’ fatto obbligo, ai due arbitri o ufficiali di campo che partono da località viciniore, dell’uso di un solo veicolo. E’ fatto altresì obbligo ai due arbitri o ufficiali di campo che iniziano la trasferta da luoghi diversi di ricongiungersi, non appena e se il percorso lo consente, per raggiungere assieme il luogo della gara con un solo mezzo. Il punto d’incontro è tale anche se viene a realizzarsi a poca distanza dal campo di gioco. In caso di mancato rispetto della disposizione di cui sopra, verrà liquidato il rimborso chilometrico al solo 1° Arbitro o al Segnapunti. Qualora nella pianificazione gli arbitri o udc inseriscano la trasferta con auto separate e venga accertato l’utilizzo di una sola vettura, i responsabili saranno immediatamente deferiti ai competenti organi disciplinari. Eventuali eccezioni di viaggio con due auto, A CAUSA DI EVENTI ECCEZIONALI E NON PREVEDIBILI, dovrà essere preventivamente autorizzato dal Comitato Regionale Veneto.”

Pertanto, perché sia ancora più chiaro:

1)      Deve essere utilizzata una sola macchina per le trasferte, dove possibile

2)      Se risulta impossibile utilizzare un’auto, perché i designati non hanno un punto di incontro che non sia il campo di gioco, NON DOVRA’ ESSERE richiesta autorizzazione

3)      Se i tragitti dei tesserati possono avere un punto di incontro anche vicino alla palestra (senza comportare variazioni significative di chilometraggi), deve essere utilizzato ed eseguire la pianificazione indicando il viaggio con due auto fino al punto di incontro e quindi provvedere alla pianificazione con auto singola fino al campo di gioco. Si ribadisce che il punto d’incontro si realizza, comunque, alla prima possibilità di ritrovo dopo la partenza dalla propria residenza.

4)      Per altri casi, particolari, rari, eccezionali e non prevedibili, in cui dovesse rendersi necessario l’utilizzo di due auto, dovrà essere richiesta preventivamente l’autorizzazione al proprio referente provinciale per tutte le gare ad esclusione di quelle di C, D, B Femm. e Eccellenza per le quali la richiesta dovrà essere effettuata al CIA Regionale. Una volta ricevuta la richiesta e valutato se rientra nei requisiti di eccezionalità di cui sopra, sarà inoltrata al Comitato Regionale FIP per la relativa, eventuale, autorizzazione.

 

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Vai alla barra degli strumenti